Mezzema, antico abitato nella Liguria di Levante

Località della vallata di Deiva Marina, nella Liguria di levante, in provincia della Spezia, Mezzema è un antico abitato, probabilmente il primo nucleo storico da cui derivò poi il borgo sul mare di Deiva. Mezzema è infatti citata per la prima volta nel diploma imperiale di Carlo Magno del 5 giugno del 774. Nello stesso anno Deiva Marina, e quindi anche Mezzema, è nominata nell’ambito della cessione di alcuni terreni ai monaci Benedettini per volere dell’abate di San Marzano di Tortona.

La vocazione agricola e pastorale del borgo è invece dedotta da un documento dell’ XI secolo riguardante i possedimenti dell’abbazia di San Venerio del Tino, in cui si faceva menzione di un grande uliveto che si estendeva da Ceula (l’antico Montale di Levanto) fino a Moneglia e presso la chiesa di San Michele di Mezzema. Quest’ultima è citata nel diploma di Carlo Magno del 774, ma la sua fondazione è datata probabilmente al VII o VIII secolo. L’archivio parrocchiale è andato distrutto in un incendio e nulla ci è dato di sapere con certezza fino al 1774, tranne per quello che riguarda il dominio feudale dei marchesi Passano. Il 1774 è l’anno in cui la chiesa primitiva, andata distrutta, viene riedificata in forme barocche. La chiesa conserva al suo interno una statua di San Michele Arcangelo dello scultore Anton Maria Maragliano, fra i maggiori esponenti della scuola barocca genovese, e un dipinto, datato al XVII secolo e recentemente restaurato. La parrocchiale reca ancora i segni della II guerra mondiale: una bomba inesplosa che non ha causato una strage solo per l’intervento divino della Madonna, secondo gli anziani abitanti del borgo.

Curiosità
Poco lontano, e raggiungibile tramite sentiero che parte dal paese, vi è il Monte Carmo, sede di un antico castellaro ligure preromano, dove stati rinvenuti reperti dell’età del rame.  Si ritiene che da Mezzema sia transitato Dante Alighieri. Mezzema fa parte dei Luoghi del Cuore FAI.

Mezzema Deiva Marina

Condividi