Turismo industriale: il percorso del cemento

Il Corazziere, il fantastico rural resort brianzolo appartenente alla rete IHF – Italian Hotels & Friends, inaugura il percorso del cemento, un itinerario turistico pensato per dar nuova luce al territorio industrializzato di Merone.

Quello industriale è una delle più innovative forme di turismo destinato a prendere sempre più piede nel corso del XXI secolo. Ogni anno, sempre più appasionati si recano a visitare aree industriali abbandonate, testimonianze importanti di un fiorente passato economico, alla scoperta di fabbriche dismesse e di impianti inattivi. Uno dei territori italiani che più è apprezzato dal turismo industriale è sicuramente la Brianza, in particolare l’area di Merone, piccolo Comune in provincia di Como dove dal 1928 è attiva la cementeria omonima, oggi divenuta Holcim.

La cementeria è parte integrante del Comune di Merone in Lombardia tanto da aver plasmato l’intera area comunale in funzione dell’attività cementizia costruendo teleferiche, nastri trasportatori e un villaggio per ospitare i dipendenti. La crisi edilizia portò l’azienda a ridimensionarsi, dismettendo edifici superfluei e diminuendo notevolmente il numero dei dipendenti. Da qui nasce l’idea di dar nuova vita al Comune di Merone trasformando i luoghi della sfrenata industrializzazione in aree votate alla sostenibilità ambientale, l’innovazione ed al turismo, senza dimenticare le proprie origini e la preziosa identità comunale.

Ed è così che sulle ceneri dell’antico serbatoio di risorse naturali sorge l’Ecofrazione di Baggero, prima Ecofrazione d’Italia interamente ripensata in chiave ecostenibile completa di parchi, piste ciclo-pedonabili, percorsi verdi e lacuali. A completare la memoria industriale di Merone si aggiungono la “Casa della Cultura Briantea” volta a divulgare la storia e la cultura locale e infine il nuovo “Percorso Turistico culturale dedicato al Cemento“. Il percorso, percorribile a piedi, si propone come un itinerario a tappe della “vita” del cemento partendo dai siti delle ex cave di Baggero e di Brenno, in cui si estraeva la materia prima per proseguire nel giardino della marna estratta, in quello del clinker già cotto e poi la visita alle murature e colate di calcestruzzo e ai cementi decorativi e opere d’arte contemporanee. Il percorso, infine, termina con il “Villaggio operaio di Merone” edificato per ospitare gli operai del cementificio ed è costituito da casette omogenee e da spazi ricreativi.

Promotore e nonché cuore pulsante del territorio di Merone è sicuramente Il Corazziereil rural resort situato sull’iconica isola di Baggero e dotato di un mulino e pannelli solari in grado di fornire il 50% dell’energia richiesta sfruttando le forze della natura come sole, acqua e vento. Degna dell’anima green de Il Corazziere è la sua certificazione “Silver Grade“. L’interno è uno scrigno di eleganza ed ultima tecnologia con 5 diverse tipologie di camera. Chicca dell’ospitalità firmata da Il Corazziere è la sua fantastica Showroom Suite dotata di un romantico letto circolare, biocaminetto, vasca idromassaggio con cromoterapia e un balconcino privato da cui si può godere della spettacolare vista del Parco Valle Lambro.

A completare l’offerta hospitality de Il Corazziere è il suo raffinato Ristorante che propone ricette della cucina brianzola preparti con ingredienti stagionali e provenienti dal territorio circostante. Nota di merito alla Cantina de Il Corazziere che offre una ampia gamma di pregiate bottiglie – più di 25.000 esemplari – conosciuta per essere tra le più fornite d’Italia.

Condividi:
, , ,